I partner di MY-GATEWAY diventano gli ambasciatori di Startup Europe

19 marzo 2018, tutti MY-GATEWAY i partner sono entrati fieramente nel movimento “Startup Europe Ambassador” in 13 paesi. Gli Startup Europe Ambassadors sono un gruppo di influencer chiave negli ecosistemi europei di startup per fornire informazioni e consigli sull’iniziativa Startup Europe della Commissione Europea. L’obiettivo è quello di democratizzare il fenomeno delle startup in modo che ogni cittadino abbia un’equa possibilità di diventare un imprenditore di successo ovunque si trovi in ​​Europa. Gli ambasciatori aiuteranno inoltre le start-up nella loro fase di crescita ad avere accesso a tutte le opportunità offerte a livello europeo. Tutti gli Ambasciatori di Startup Europe sono presentati pubblicamente oggi al “Startup Europe Campfire” che si tiene a Parigi.

Nel corso degli anni, l’iniziativa Startup Europe della Commissione europea è diventata un punto di riferimento nel settore delle startup europee, supportando direttamente circa 60 ecosistemi locali e oltre 750 startup per crescere oltre i confini. La missione di Startup Europe è quella di costruire un continente di partenza collegando pool di talenti. L’iniziativa incoraggia imprenditorialità, creazione e crescita di startup; e collega startup, investitori, acceleratori, aziende, università e media attraverso una serie di iniziative o reti di base.

Europa Media , Czech Invest , Spherik Accelerator , Startups Slovenia , Forum europeo dei giovani innovatori , Startups.be , Startup Ole Accelerator , Universidade Nova Lisboa , Hugin e Munin , NACUE , Università di Bar Ilan , SPARK Business Park , Start-up Serbia e Incubatore Seavus fanno parte del nuovo progetto finanziato Startup Europe Horizon 2020 MY-GATEWAY che è stato lanciato pubblicamente durante lo Startup Europe Campfire a Parigi il 19 marzo 2018.

MY-GATEWAY è uno dei 7 progetti Startup Europe. Ha lo scopo di rafforzare le capacità delle startup high-tech e delle PMI innovative nella regione dell’Europa centrale e orientale di diventare più collegate, ottenere una maggiore esposizione sul mercato e migliorare l’accesso alle opportunità di finanziamento e ai talenti.

Krisztina Toth, coordinatrice di MY-GATEWAY.

In un ecosistema europeo di start-up in continua evoluzione, l’iniziativa Startup Europe ha progettato il gruppo dei suoi ambasciatori democratizzare il fenomeno startup in modo che ogni cittadino abbia un’equa possibilità di diventare un imprenditore di successo ovunque si trovi in ​​Europa. Il ruolo degli ambasciatori è quello di fornire informazioni e consigli sull’iniziativa Startup Europe della Commissione europea. Inoltre, anche gli ambasciatori aiuteranno startup nella loro fase di crescita avere accesso a tutte le opportunità offerte a livello europeo.

Gli Startup Europe Ambassadors contribuiranno attivamente alla visibilità delle attività di Startup Europe a livello locale, agendo come una chiave punto informativo nei loro paesi e anche come connettore per l’ecosistema locale con gli altri ecosistemi delle startup in tutta Europa. I primi membri di questo gruppo sono le organizzazioni che sono state selezionate attraverso la valutazione delle proposte del bando 32 della Horizon 2020 della Commissione Europea, nonché i partner dei progetti finanziati dall’UE WeP-UP o OpenMaker.

La lista completa degli Startup Europe Ambassadors è pubblicata qui: http://startupeuropeclub.eu/startup-europe-ambassadors/ e ci puoi incontrare durante i futuri eventi di Startup Europe organizzati nel 2018: STARTUP OLÉ 2018 (17-19 aprile, Salamanca, 2000 parti interessate all’avvio, registrazione gratuita), SETTIMANA EUROPEA DEL MAKER 2018 (18-27 maggio, 300 eventi maker in 28 paesi), Startup Europe Summit 2018 (la più importante conferenza sulla politica tecnologica della Commissione europea per le startup, 15 ottobre, Sofia, BG) e WEB SUMMIT 2018 (5-8 novembre, Lisbona).

MY-GATEWAY allo Startup Europe Campfire e Bootcamp a Parigi!

Parigi, 19-20 marzo.

Tutti i partner di Startup Europe si sono riuniti a Parigi per essere presentati ufficialmente come Startup Europe Ambassador e per iniziare a pianificare future sinergie!

Lunedì 19 esimo Marzo, Krisztina Toth ha presentato la ragione d’essere di MY-GATEWAY allo Startup Europe Campfire che si tiene all’Ile de France a Parigi.

Krisztina Toth al falò di Startup Europe
Startup Europe Campfire

Il Campfire ha riunito oltre 200 attori principali degli ecosistemi europei di avvio ed è stata l’occasione perfetta per conoscere meglio tutte le iniziative e i progetti che hanno avuto origine da Startup Europe nel corso degli anni. È stato il primo di una serie di eventi pilotati dall’iniziativa Startup Europe della DG CONNECT della Commissione europea al fine di evidenziare le opportunità presenti e future guidate dai 10 programmi e iniziative in corso e promuovere il networking tra i partner della comunità e le parti interessate quali incubatori, venture organizzazioni di capitali, acceleratori e molti altri che hanno partecipato all’evento. Lo scopo principale di questo evento era promuovere l’Europa come continente di partenza e rafforzare i collegamenti tra iniziative paneuropee e nazionali e locali.

Uno dei momenti salienti della giornata è stato l’annuncio ufficiale degli Startup Europe Ambassadors a mezzogiorno, in cui tutti i partner di MY-GATEWAY ha pubblicato contemporaneamente un comunicato stampa che dichiarava il loro coinvolgimento nella democratizzazione del fenomeno startup.

Startup Europe Ambassador

IL MIO GATEWAY Ambasciatore

Il giorno seguente, 20 esimo Marzo aveva un layout completamente diverso: prima di tutto era un evento privato che era diretto solo ai 10 partner del progetto e si svolgeva al Le Cargo, incubatore di startup e acceleratore situato a nord di Parigi. Quattro workshop incentrati sulla comunicazione, l’accesso al mercato internazionale, la costruzione di Deep Tech ed ecosistema hanno occupato l’intera mattinata con l’obiettivo di produrre una tabella di marcia delle attività da organizzare nei due anni successivi.

Laboratorio di comunicazione
Risultati del workshop

Una delle principali conclusioni è stata l’importanza che deve essere data alla comunicazione tra progetti. Comunicando in modo efficace un’identità comune di Startup Europe, identificando e producendo informazioni mirate per le start-up e persino partecipando congiuntamente ad importanti eventi imprenditoriali, può davvero aiutare Startup Europe a continuare a fare la differenza ea continuare a costruire un continente di startup.

Informazioni su MY-GATEWAY

MY-GATEWAY è un’iniziativa di Startup Europe che mira a rafforzare le capacità delle start-up high-tech e delle PMI innovative nella regione CEE per migliorare la connessione, ottenere una maggiore esposizione sul mercato e migliorare l’accesso alle opportunità di finanziamento e ai talenti .

Informazioni su Startup Europe

Startup Europe è un’iniziativa della Commissione europea che rientra nella sua priorità del “mercato unico digitale”. Startup L’obiettivo dell’Europa è quello di democratizzare il fenomeno delle startup in modo che ogni cittadino abbia un’equa possibilità di diventare un imprenditore di successo ovunque si trovi in ​​Europa. Inoltre, Startup Europe aiuta le startup nella loro fase di crescita a crescere in tutta Europa e ad internazionalizzarsi in tutto il mondo. Startup La prima priorità dell’Europa è lo sviluppo di ecosistemi di alta qualità basati sul talento e sull’elevato livello di connessione tra i protagonisti degli ecosistemi a livello europeo.

Startup Europe ha mobilitato l’ecosistema di imprenditorialità tecnologica e li ha aiutati a far sentire la loro voce nelle istituzioni dell’UE. Ha contribuito ad acquisire una migliore comprensione di questo ambiente e ha suscitato consapevolezza politica in materia. Nell’ambito del quadro di Orizzonte 2020, periodo 2018-2020, 7 progetti stanno lavorando insieme in termini di finanziamento, competenze, eventi imprenditoriali e consulenza per la crescita. I programmi di Startup Europe si concentrano sull’aiutare le comunità di startup, aumentare le collaborazioni tra gli ecosistemi di startup, incoraggiare l’imprenditorialità, la creazione di startup e il business di ridimensionamento.

Terra a Vilnius, il posto dove stare per le startup Blockchain

Soft-Landing sta chiamando Blockup scalatori e rappresentanti di hub di startup da tutta Europa per scoprire il vibrante ecosistema startup lituano a giugno. Le domande sono aperte fino al 7 maggio.

La rapidissima velocità di Internet, la forza lavoro intelligente e di talento, le basse tasse per le imprese, il sostegno del governo, l’ambiente favorevole per la blockchain e una delle economie più innovative del mondo rendono la scena startup di Vilnius non la seconda. Troppo bello per essere vero?

Dimostralo tu stesso durante le attività di Soft-Landing che si svolgeranno dall’11 al 15 giugno. Startup e costruttori di ecosistemi saranno profondamente immersi nell’epicentro dell’ecosistema di avvio del Baltico: Vilnius.

Perché Vilnius è il posto più bello per Blockchain?

  • Gateway per l’industria globale della blockchain: l’unico hub dell’UE per il libro mastro digitale
  • Area criptata di tendenza – Nel 2017 la Lituania ha registrato 35 ICO che vanno da $ 3M a $ 151M, aumentando un valore totale di $ 500M. Il più alto numero di ICO pro capite al mondo!
  • Una nuova “sandbox” normativa per le startup blockchain: la piattaforma contribuirà alla creazione di condizioni migliori per lo sviluppo delle imprese
  • Blockchain Center Vilnius – Primo centro internazionale in Europa per l’educazione e lo sviluppo di tecnologie decentralizzate

Vuoi più ragioni? Controlla questo articolo di Tricia Levasseur su Medium.com

Centro di Vilnius Blockchain © Verslo Žinios

La missione di Vilnius ti porterà a:

  • Startup Europe Blockchain Conference – abbonamento gratuito di due giorni alla più grande conferenza cripto del Nord Europa
  • Visite agli aspetti salienti dell’ecosistema – Blockchain Centre Vilnius e Vilnius Tech Park
  • Workshop e sessioni di domande e risposte con Startup Lituania , Investire in Lituania , Banca di Lituania e altri guru dell’ecosistema
Vilnius Tech Park © Made In Vilnius

Cosa c’è dentro per le startup? [11-15 giugno]

L’obiettivo principale del programma è fornire un concreto supporto pratico per entrare nel mercato lituano o beneficiare dell’accesso ad esso.

  • Workshop su argomenti specifici, ad es. panoramica della cultura aziendale lituana, questioni legali, ecc .;
  • Supporto di business leggero da parte di Divisione Startup squadra;
  • Mentori specifici assegnati individualmente;
  • Esperienza di condivisione con i rappresentanti dei centri di accoglienza, così come tra i soft-lander;
  • Emozionanti visite al sito, eventi e conferenze con tessere gratuite o scontate.

Puoi rimanere a Vilnius fino a 1 mese in più, beneficiando del supporto di mentoring per l’atterraggio morbido.

… e per i costruttori di ecosistemi? [12-14 giugno]

I partecipanti alla missione esploreranno le opportunità Blockchain offerte da Vilnius, impareranno le storie di successo di aziende già fiorenti, si stringono la mano e fanno chat individuali con i leader dell’ecosistema per identificare opportunità di collaborazioni all’avanguardia.

Rise Vilnius © Rise Vilnius

Convinto? Applicare velocemente.

Soft-Landing resta per Startup e Scaleup * || 11-15 giugno || APPLICA SU F6S

Discovery Mission for Ecosystem Builders * || 12-14 giugno || APPLICA SU F6S

* La partecipazione è gratuita grazie a Startup Europe.

Termine per la presentazione delle domande: 7 maggio

eendays

I Soft-Lander si incontrano di nuovo a Berlino – si iscrivono entro il 14 maggio

Berlino sta chiedendo startup europee, scalari e costruttori di ecosistemi (mentori, investitori, rappresentanti di incubatori / acceleratori …) al di fuori della Germania. Le domande sono aperte fino a lunedì 14 maggio.

GTEC ospita per la seconda volta un programma #SoftLandingEU a Berlino, raccogliendo delegazioni di startup e costruttori di ecosistemi da tutta Europa nella settimana di Tech Open Air .

Dal 18 al 22 giugno offriremo ai partecipanti un pass di 4 giorni per il festival di tecnologia interdisciplinare leader in Europa, oltre a un tour intorno all’ecosistema di startup di Berlino incontrando attori chiave, investitori e innovatori. Fai domanda ora – e condividi con i tuoi imprenditori preferiti e gli appassionati appassionati di startup!

  • Connettiti con start-up e costruttori di ecosistemi di tutta Europa
  • Scopri l’hub di avvio di Berlino con il tuo host GTEC – Centro tedesco per l’imprenditoria tecnologica
  • Ottieni un biglietto gratuito per la Tech Open Air Conference (4 giorni)
  • Partecipa agli eventi satellite TOA in città
  • Riunisciti nelle nostre tavole rotonde con vari esperti aiutando le startup che vedono Germania e Berlino come la loro prossima destinazione
  • Approfitta del supporto per l’atterraggio morbido e il ridimensionamento fino a 1 mese

Le domande sono aperte fino a lunedì 14 maggio (23:59 ora di Londra)

Il soggiorno di atterraggio morbido viene eseguito dal 18 al 22 giugno e si può rimanere a Berlino e beneficiare di un atterraggio morbido e del supporto per il ridimensionamento fino a un mese. Controlla l’agenda preparata da GTEC.

La missione è in programma dal 18 al 20 giugno, ma sei libero di utilizzare il tuo pass gratuito per TOA fino alla fine della conferenza. Controlla l’agenda preparata da GTEC.

Prima missione: Berlino
Prima missione: Berlino

Leggi la prima missione Soft-Landing a Berlino!

Scopri di più sull’hub startup di Berlino.

Atterraggio morbido ( www.soft-landing.eu ) collega gli ecosistemi di avvio e facilita la crescita per le scale europee.

Partecipa alle nostre missioni di una settimana e unisciti alla crescente comunità di Soft-Landers!

Startup Europe annuncia i suoi primi ambasciatori di Startup Europe

Il primo gruppo di Startup Europe Ambassadors è stato presentato pubblicamente durante l’evento Startup Europe Campfire che si è tenuto a Parigi il 19 marzo.

Rappresentano un gruppo di influenti chiave nei sistemi europei startupe che forniranno informazioni e consigli sull’iniziativa Startup Europe della Commissione europea.

L’obiettivo è quello di democratizzare il fenomeno delle startup in modo che ogni cittadino europeo abbia un’equa possibilità di diventare un imprenditore di successo. Gli ambasciatori aiuteranno inoltre le start-up nella loro fase di crescita ad avere accesso a tutte le opportunità offerte a livello europeo.

Nel corso degli anni, l’iniziativa Startup Europe della Commissione europea è diventata un punto di riferimento nel settore delle startup europee, supportando direttamente circa 60 ecosistemi locali e oltre 750 startup per crescere oltre i confini. La missione di Startup Europe è quella di costruire un continente di partenza collegando pool di talenti. L’iniziativa incoraggia imprenditorialità, creazione e crescita di startup; e collega startup, investitori, acceleratori, aziende, università e media attraverso una serie di iniziative o reti di base.

In un ecosistema europeo di start-up in continua evoluzione, l’iniziativa Startup Europe ha progettato il gruppo dei suoi ambasciatori democratizzare il fenomeno startup in modo che ogni cittadino abbia un’equa possibilità di diventare un imprenditore di successo ovunque si trovi in ​​Europa. Il ruolo degli ambasciatori è quello di fornire informazioni e consigli sull’iniziativa Startup Europe della Commissione europea. Inoltre, anche gli ambasciatori aiuteranno startup nella loro fase di crescita avere accesso a tutte le opportunità offerte a livello europeo.

Gli Startup Europe Ambassadors contribuiranno attivamente alla visibilità delle attività di Startup Europe a livello locale, agendo come una chiave punto informativo nei loro paesi e anche come connettore per l’ecosistema locale con gli altri ecosistemi delle startup in tutta Europa. I primi membri di questo gruppo sono le organizzazioni che sono state selezionate attraverso la valutazione delle proposte del bando 32 della Horizon 2020 della Commissione Europea, nonché i partner dei progetti finanziati dall’UE WeP UP! o OpenMaker.

L’elenco completo di Startup Europe Ambassador è pubblicato qui: http://startupeuropeclub.eu/startup-europe-ambassadors/ e puoi incontrarli durante i futuri eventi di Startup Europe organizzati nel 2018:

  • STARTUP OLÉ 2018 (17-19 aprile, Salamanca, 2000 startupstakeholders, freeregistration),
  • SETTIMANA EUROPEA DEL MAKER 2018 (18-27 maggio, 300 makerevents in 28 paesi),
  • Startup Europe Summit 2018 (la più importante conferenza sulla politica tecnologica della Commissione europea per le startup, 15 ottobre, Sofia).

Ulteriori informazioni sugli eventi futuri saranno presto pubblicate sul singolo punto per le startup per accedere a tutte le informazioni di cui hanno bisogno per crescere e prosperare, il sito web che stai visitando in questo momento: http://startupeuropeclub.eu/

2018 Contratti di Sviluppo

Una grande opportunità per una startup in Italia

Sviluppo Campania è una società interna della Regione Campania. Il suo obiettivo è di contribuire, all’attuazione di progetti, piani e strumenti, concentrandosi sulla promozione e il rafforzamento dello sviluppo del sistema territoriale regionale.
Sono incubatori di imprese costruiti per ospitare imprese locali, di piccole e medie dimensioni che sono in fase di avviamento.
Gli incubatori di imprese sono ambienti protetti, attrezzati per ospitare iniziative imprenditoriali, per sostenerli dalla fase di avviamento allo sviluppo.
È un grande vantaggio per i nuovi imprenditori avere tutti i servizi di cui hanno bisogno in un unico posto, con un unico interlocutore. Dovevano consolidare la posizione degli incubatori, sostenere la base produttiva in settori strategici dell’economia campana e stimolare gradualmente la nascita di startup in Italia.
I progetti nati con l’aiuto di incubatori avranno un impatto positivo sull’economia locale, in termini di:
• Creazione di imprese
• Occupazione diretta / indiretta
• Attrazione di investimenti
• Networking
• Riqualificazione urbana

Sviluppo Campania è entrata a far parte della rete nazionale di incubatori di imprese, governata da Invitalia, la più grande rete di incubatori in Europa, per facilitare l’accesso alle startup in Italia. Il suo scopo principale è quello di promuovere e stimolare la ricerca e l’innovazione nel tessuto regionale, incoraggiando l’energia cooperativa tra il mondo degli affari e quello della ricerca per le piccole e medie imprese.

Chi può accedere agli incubatori di imprese?
• Microimprese, anche in forma individuale
• Le PMI anche individualmente nella fase di avviamento
• Società esistenti che intendono diversificare e ampliare le attività di produzione

Come accedere a un incubatore di imprese?
L’ammissione agli incubatori di imprese è regolata da un regolamento e da un contratto.
Le aziende che vogliono stabilirsi devono presentare:
• richiesta di ammissione
• Piano aziendale

2018 Accordi di sviluppo: cosa sono?

Innanzitutto spieghiamo quali sono i contratti di sviluppo del 2018?
Si tratta di un nuovo strumento introdotto dal MISE come incentivo per la realizzazione di grandi investimenti nazionali ed esteri, particolarmente sviluppati per le aree meno favorite del Sud Italia, Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Questi contratti sono finanziati dal MISE e dalle Regioni, gestiti da Invitalia, e si concentrano sulle aree del turismo, industriale e commerciale, agroalimentare e protezione ambientale, favorendo potenziali startup in Italia.
Offrono una serie di vantaggi per le nuove società, come la sovvenzione a spese, il finanziamento agevolato e il contributo sul conto interessi.
Per avere diritto al beneficio, le società coinvolte devono presentare una richiesta online a Invitalia.

Contratti Invitalia Svilupo per Startups in Italia: chi sono i beneficiari?

Chi sono i beneficiari dei contratti di sviluppo?
La domanda di contratti di sviluppo può essere presentata ad Invitalia da singole società e / o da diverse società, queste ultime qualificate come società di rete. Ciò richiede alle aziende che insieme presentino un piano di sviluppo, attraverso la stipula di un contratto di rete, ai sensi dell’art. 3, comma 4, del decreto legge 5/2009, e successive modifiche e integrazioni.
Ai fini dell’accesso agli investimenti, il contratto di rete, oltre a prevedere una collaborazione efficace e stabile finalizzata alla realizzazione del progetto proposto al MISE, deve comprendere anche la nomina di un organismo comune che agisca per conto dei partecipanti e nella loro rappresentazione, in tutti i rapporti con il Ministero dello Sviluppo Economico.

Contratti di sviluppo: requisiti MISE

Il Fondo di sviluppo e coesione lanciato per il periodo 2014-2020, mette a disposizione 250 milioni di euro, suddivisi come segue: 80% a sud e 20% al Centro-Nord, successivamente con il decreto MISE del 29 luglio 2015, pubblicato nella Gazzetta ufficiale .
Altri 300 milioni di euro sono stati assegnati al Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 FESR, da destinare agli investimenti nelle regioni Basilicata, Calabria, Puglia, Campania e Sicilia.

Le aziende che desiderano partecipare al contratto MISE devono soddisfare i seguenti requisiti prima di presentare la domanda a Invitalia:

  • la società deve essere registrata nel registro delle imprese; le imprese straniere, invece, devono avere almeno una sede legale in Italia per accedere al beneficio.
  • i nuovi investitori devono essere liberi da qualsiasi liquidazione volontaria e non essere oggetto di precedenti procedure fallimentari;
  • si devono essere in regime ordinario;
  • i richiedenti non devono essere tra coloro che hanno ricevuto uno stato o un aiuto europeo, che non sono stati rimborsati o depositati nel conto corrente bloccato perché sono stati revocati.
  • non devono essere una società in difficoltà.
  • non devono, nei 2 anni precedenti, aver chiuso un’attività uguale o simile nello spazio economico europeo o aver programmato la cessazione di attività entro 2 anni dal completamento del programma di sviluppo proposto nella zona interessata.
    Queste condizioni si riferiscono esclusivamente alla realizzazione dei progetti di investimento di cui al titolo II, nelle zone del territorio nazionale ammesse all’esenzione.

I programmi di sviluppo ammissibili per i contratti di sviluppo sono:

  • Settore industriale: il programma di sviluppo in questo settore deve riguardare la produzione di beni e / o servizi, la cui realizzazione deve essere effettuata attraverso uno o più investimenti. I progetti di ricerca, sviluppo e innovazione possono anche essere facilitati, ma solo se sono correlati e funzionali ai prodotti e servizi finali;
  • Settore della protezione ambientale: devono riguardare iniziative volte alla protezione dell’ambiente, per le quali sono necessari uno o più progetti di investimento per la protezione e per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione;
  • Sviluppo di attività turistiche e commerciali: iniziative volte ad aumentare e migliorare l’accoglienza turistica e servizi di supporto per i prodotti turistici e, per meno del 20% degli investimenti, attività commerciali, per la realizzazione dei quali sono necessari uno o più progetti di investimento, e progetti di innovazione nell’organizzazione o nel processo, ma solo se migliorano l’uso del prodotto o la caratterizzazione del territorio.I programmi di sviluppo, implementati attraverso le strutture del contratto di sviluppo, possono anche includere la costruzione di opere infrastrutturali, materiali e immateriali, tutte che devono essere funzionali e adattate all’obiettivo del programma stesso.I benefici per le aziende, che partecipano a un contratto di sviluppo per una startup in Italia, sono:
  • Prestito agevolato: la società che accede ai contratti di sviluppo può beneficiare di un prestito del 75% o inferiore delle spese ammissibili, con una durata massima di 10 anni + un periodo di utilizzo e preammortamento, proporzionale alla durata del prestito. progetto di sviluppo ma non oltre i 4 anni. Il tasso agevolato dei prestiti, pari al 20% del tasso in vigore al momento della concessione delle sovvenzioni, mentre la quota di rimborso + interessi, è semestrale con una scadenza fissa: 30 giugno e 31 dicembre di ogni anno;
  • Abbuono di interessi: questo è concesso se la società richiede un prestito bancario a tasso di mercato, che serve a coprire i costi del progetto di sviluppo, la cui durata massima può essere di 10 anni + periodo di utilizzo e preammortamento, e non superiore a 4 anni . L’importo del prestito è correlato al tasso di interesse applicato al prestito bancario ed è stato fissato a 400 punti base, ma in ogni caso non oltre l’80% di tale tasso;
  • Contributo sul conto impianto;
  • Contributo alla spesa;
    Il tipo di agevolazione che può essere fornito con il contratto di sviluppo per una startup in Italia e la loro combinazione sono definiti durante la fase di negoziazione del contratto di sviluppo in base alle caratteristiche dei progetti.Contratti di sviluppo Invitalia: modulo di domanda onlineLe aziende che desiderano aderire ai programmi di sviluppo nel settore industriale, turistico, ambientale e commerciale possono presentare la domanda di partecipazione al MISE chiamare, secondo le seguenti procedure e istruzioni:

    La richiesta di agevolazioni deve essere inviata direttamente al gestore Invitalia che riceve i moduli e la documentazione richiesti, valuta il progetto e le sovvenzioni e fornisce incentivi alle aziende. La domanda deve essere inviata esclusivamente online, elettronicamente fino all’esaurimento delle risorse.
    L’azienda proponente o il network di aziende possono presentare una domanda online tramite il proprio rappresentante legale o un avvocato speciale, previa registrazione al portale Invitalia e ai servizi online di Invitalia via e-mail. Una volta registrata la registrazione, è possibile accedere all’area riservata, compilare la domanda di contratti di sviluppo.

    Per maggiori informazioni scrivi una mail info@invitalia.it, oppure chiama il numero blu 848.886 886 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00.

 

 

 

Come aprire una startup nel 2018

Spesso sentiamo parlare di Startup e anche se a volte sono percepiti come qualcosa di astratto, in realtà sono una cosa molto reale e concreta, a cui chiunque può soddisfare i requisiti.
Se ti stai chiedendo come aprire una startup, perché potresti avere una grande idea che nessun altro ha realizzato, questo articolo può essere utile. Sia che tu abbia soldi o meno, se hai un’idea ben delineata, sei già a metà del lavoro.

Fare un’azienda non è solo per i ricchi e ci sono molti esempi là fuori. Molti uomini d’affari hanno iniziato da zero e oggi gestiscono grandi aziende che hanno avuto successo. Non vedere il denaro come un ostacolo, ma vederlo come un’opportunità.
Con questi a portata di mano sarai in grado di scoprire quanto tempo e denaro hai bisogno per aprire la tua attività di avvio.

1. Inizia creando un piano di budget:
Anche se non disponi di molte risorse finanziarie, devi comunque iniziare con un piano di budget.
Inizia ad elencare gli importi esatti disponibili. Se non ne hai abbastanza, qualcuno può prestarti la differenza? Per capire come aprire una startup, è importante capire questo passaggio perché rivela, se puoi permetterti questo tipo di investimento o meno. Un piano di budget ti farà capire meglio in che direzione dovrai investire i tuoi fondi per ridurre al minimo le perdite.

Visibilità – Costruisci il tuo quartier generale e con questo intendiamo un sito web, una pagina social o un ufficio in cui puoi incontrare i clienti, premere ed entrare in contatto con chiunque desideri collaborare con te. Anche se per molti questo non è un aspetto importante, in realtà avere un punto d’incontro è una vera necessità, soprattutto perché ti aiuta a sviluppare quell’operazione chiamata Branding. Anche uno spazio di coworking è una buona opzione e di solito costa pochissimo, rendendo più facile e produttivo l’accesso ai clienti. Questo è un investimento che va nella lista dei “must have”.

Spese operative e legali – Inserisci in lista tutte le spese o eventuali commissioni che potresti dover pagare per proteggere legalmente te stesso e la tua attività. L’avvocato che decidi di avere necessità di proteggerti ed è consigliabile evitare di incorrere in problemi di privacy e copyright.
Valutare anche i costi del personale, stagisti o altre spese. Anche l’unica apertura di un’IVA, combinata con un contabile, ha un costo operativo.

Hardware, software e licenze – Questo passaggio per come aprire una startup varia in base a ciò che si desidera immettere sul mercato. Se utilizzi software di terze parti o prodotti realizzati da te, esistono diversi approcci. È molto importante studiare bene, tutti i termini legali e di copyright, al fine di proteggere te stesso, le tue idee e così via. Non solo le licenze degli altri sono importanti, ma anche le tue.

2. Pubblicità e marketing: questa parte è molto importante! Anche se la tua idea è originale e redditizia, devi renderla visibile, renderla visibile e ben nota, prima che qualcuno abbia un’idea simile e conquisti il ​​mercato prima di te. Cerca di capire l’importanza di essere ben noto, prima di iniziare a fare ricerche su come aprire una startup.
Devi creare un sito molto attraente, con una pagina Facebook, un account Twitter e Instagram, sempre aggiornato e ricco di contenuti accattivanti. Senza spendere soldi per la pubblicità, potresti comunque creare una grande base di fan che potrebbe aiutarti ad aumentare la tua copertura.
L’inizio di un buon marchio inizia con questi piccoli trucchi. Crea un programma settimanale, con orari di pubblicazione specifici e segui l’evoluzione dei tuoi contenuti e la reazione che riceve, per ottenere una sospensione di interessi, ore di lettura e condivisione. Seguendo alcuni passaggi essenziali sarai in grado di creare contenuti virali senza spendere un centesimo.

3. Ricerca di fondi e prestiti bancari
Per avere la giusta evoluzione del business, tuttavia, avrai bisogno di fondi. Le tue risorse, nel tempo, non saranno sufficienti. Ecco perché ti consigliamo di controllare costantemente tutti i progetti regionali e nazionali dedicati alle piccole imprese e alle start-up:
Crowdfunding: è una buona opzione di finanziamento. Cerca piattaforme di raccolta fondi in cui puoi presentare il tuo progetto e iniziare a raccogliere fondi per realizzare il tuo scopo, da persone che sono disposte a sostenere.
Progetti regionali e nazionali: segui sempre le pubblicazioni ufficiali pubblicate sulle pagine del governo. Saranno in grado di reindirizzarti verso i progetti più interessanti. Prendiamo ad esempio questo eccellente progetto chiamato Giovani SI che ha unito le forze con il progetto Toscana Muove, e insieme sono riusciti a seguire e sostenere tutte le imprese locali che nascono in Toscana. Offrono prestiti agevolati, ripartiti su diversi anni, a tassi di interesse zero.
Le banche: contatta le banche locali e scegli le piccole, soprattutto perché hanno diversi progetti sul rotolo e supportano attività come le startup. Ti seguiranno passo dopo passo e faranno del loro meglio per spiegare come aprire una startup.

Se hai le tue idee ben impostate e vuoi sapere come aprire una startup, questi sono i primi piccoli passi da seguire per far crescere un’azienda di successo.

Non dimenticare che il reddito più grande sarà il tuo desiderio di costruire e creare il tuo percorso personale. Non arrenderti e inizia a gettare le basi del tuo futuro. Non hai nulla da perdere!