Bolton: gli Stati Uniti stanno preparando più sanzioni contro l’Iran

Il governo degli Stati Uniti sta preparando più sanzioni contro l’Iran, ha dichiarato il consulente per la sicurezza nazionale John Bolton a Fox Business News, commentando ciò che le attuali sanzioni hanno già aiutato Washington a realizzare, e quale è l’obiettivo finale.

“L’obiettivo è portare le esportazioni di petrolio iraniane a zero. Stiamo lavorando con altri paesi per ottenere forniture alternative per i paesi che stanno acquistando e penso che sia fondamentale per un lungo periodo di tempo “, ha detto Bolton, aggiungendo che questo ha già danneggiato l’economia iraniana, facendo precipitare il paese in una recessione con il rial svalutazione fino al 70 percento rispetto al dollaro USA.

In effetti, il rial iraniano è sceso da US $ 0,000024 all’inizio di aprile, come da dati di Google, a un minimo di US $ 0,000020 all’inizio di agosto, per poi tornare nuovamente a USD 0,000024 a partire da lunedì. Questo indubbiamente ha molto a che fare con i dati di spedizione emergenti che suggeriscono che le esportazioni di petrolio dell’Iran non sono diminuite tanto quanto hanno riferito precedenti rapporti basati su stime e, più recentemente, alla notizia che Washington ha concesso deroghe sanzionatorie a otto paesi importatori di petrolio iraniani.

Nonostante le deroghe, “l’obiettivo è portare le esportazioni di petrolio iraniano a zero. Stiamo lavorando con altri paesi per ottenere forniture alternative per i paesi che acquistano e penso che sia fondamentale per un lungo periodo di tempo “.

Eppure l’atteggiamento da falco rimane intatto . “Avremo sanzioni che vanno anche oltre. Non ci accontenteremo semplicemente del livello di sanzioni che esisteva sotto Obama nel 2015 – ne stanno arrivando altre “, ha detto Bolton a Fox Business News” Maria Bartiromo, senza tuttavia approfondire la natura della sanzioni.

“Questo cambierà la capacità dell’Iran di continuare il loro programma nucleare, di finanziare il terrorismo e di impegnarsi in attività militari in tutto il Medio Oriente e penso che lo stiamo già vedendo”, ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale.

Leave a Comment

Skip to toolbar