La Corea del Sud riavvia le importazioni di petrolio iraniano a 4 milioni di barili al mese

La Corea del Sud riprenderà le importazioni di greggio iraniano ad un tasso di circa 4 milioni di barili al mese, S & P Global Platts riferisce, citando tre fonti sudcoreane senza nome. Allo stesso tempo, hanno aggiunto le fonti, il paese continuerà a cercare fonti alternative della merce.

La Corea del Sud è il quinto importatore di petrolio greggio al mondo, e come tale un importante cliente per il petrolio iraniano a fianco di Cina e India. Eppure la Corea del Sud è uno stretto alleato degli Stati Uniti, e non sorprende che il paese all’inizio di quest’anno abbia optato per la piena conformità con l’insistenza di Washington sul fatto che gli importatori riducono a zero l’assunzione del greggio iraniano. Nei mesi tra marzo e luglio, la Corea del Sud aveva acquistato greggio iraniano ad una tariffa giornaliera di quasi 300.000 barili. Poi, ad agosto, Bloomberg ha riferito che i raffinatori sudcoreani avevano sospeso tutti gli acquisti di greggio iraniano prima delle sanzioni di novembre.

Questo è ciò che molto probabilmente ha aiutato la Corea del Sud a ottenere una deroga da Washington, insieme a Giappone, Cina, India, Turchia, Grecia, Italia e Taiwan. Il Segretario di Stato Mike Pompeo, tuttavia, ha sottolineato che le deroghe erano temporanee e che Washington si aspettava ancora che i suoi alleati eliminassero completamente il greggio iraniano dal loro mix energetico.

Leave a Comment

Skip to toolbar