La più recente tendenza digitale nel settore Oil & Gas

L’intelligenza artificiale, o meglio cose come l’apprendimento automatico e l’automazione, che sono spesso erroneamente chiamate intelligenza artificiale, è una grande cosa nel petrolio e nel gas in questo momento. L’hype sull’intelligenza artificiale si spinge molto oltre l’industria petrolifera e del gas, ma in essa la tecnologia sta facendo i primi spruzzi e sembra che stiano moltiplicando velocemente.

Mentre “AI” – o algoritmi analitici e predittivi più precisi, e l’automazione – nel segmento a monte dell’industria hanno già attirato un po ‘di attenzione, c’è una parte piuttosto sorprendente dell’industria petrolifera e del gas che può essere matura come l’esplorazione e la produzione per alcuni aiuti software: permesso e valutazione ambientale.

I ricercatori del Fondo per la difesa ambientale stanno lavorando su un sistema che utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale che potrebbe semplificare quello che ora è un processo molto complesso a beneficio di tutte le parti interessate coinvolte.

Ecco come uno dei ricercatori, Evan Patrick, mette esso: Natural Language Processing estrae informazioni simili a come gli esseri umani ottengono informazioni dalla lettura. Se sviluppato e ampliato, potrebbe caricare le analisi critiche delle applicazioni di permessi per petrolio e gas che le compagnie presentano sotto la National Environmental Protection Act. Anche altri tipi di proposte di sviluppo potrebbero beneficiare. Ciò, a sua volta, aiuterebbe i regolatori locali e le altre parti interessate nel Wyoming e oltre a determinare se un progetto costituirà una minaccia per la fauna selvatica, l’acqua o un sito del patrimonio culturale – e per bilanciare meglio le affermazioni dell’industria.

Sembra una soluzione a così tanti problemi che dovrebbe essere implementata immediatamente. Eppure, ottenere un’idea che implichi l’elaborazione di enormi quantità di informazioni – e l’apprendimento automatico coinvolge esattamente questo tipo di elaborazione delle informazioni – è un lavoro lento e tortuoso. Fondamentalmente, significa insegnare ai computer a “cancellare” i dati da varie fonti, come dice Patrick. Ma mentre questo sembra semplice, questo processo di insegnamento comporta l’immissione di enormi quantità di dati, e questo richiede molto tempo. Relativo: L’olio cade malgrado l’inventario di inventario grezzo

Questo è un problema che non è unico nel petrolio e nel gas, e per coloro che sviluppano gli algoritmi non è davvero un problema: è un passo avanti che semplicemente non puoi saltare. Mentre è vero che ci siamo abituati a tutto ciò che accade quasi immediatamente, a volte le cose buone richiedono tempo. Gli algoritmi di addestramento per trovare ed elaborare le informazioni riguardanti i permessi di petrolio e gas e le valutazioni ambientali renderanno la vita più facile per migliaia di persone e renderanno il processo di autorizzazione e valutazione molto più affidabile.

Si stima che il mercato dell’IA nel petrolio e nel gas raggiunga US $ 2,85 miliardi entro il 2022, con un tasso di crescita annuale composto del 12,66%. Ancora una volta, questo mercato AI coinvolge in realtà algoritmi predittivi, sistemi di automazione e analisi, che non sono esattamente intelligenza artificiale, ma la tendenza è chiara: petrolio e gas stanno adottando sempre più soluzioni software per migliorare i loro risultati e linee di fondo. Ma ecco il bello degli algoritmi che aiutano il processo di autorizzazione e valutazione ambientale: andrà a beneficio di tutti, da Big Bad Oil agli ambientalisti.

Metti molto semplicemente, L’elaborazione computerizzata avanzata può aiutarci a individuare i problemi che ora cadono attraverso le fessure e reagire più rapidamente quando li troviamo ,” secondo Patrick.

Leave a Comment