L’uragano Michael Shutters 700.000 Bpd di produzione di petrolio

Uragano Michele colpire il Panhandle della Florida con venti di 155 miglia all’ora di ieri e ora si sta spostando a nord, anche se a più debole , tempesta tropicale. L’uragano si è chiuso in oltre il 40% della capacità di produzione di petrolio nel Golfo del Messico, secondo dati dal Bureau of Safety and Environmental Enforcement, oltre a quasi il 32% della capacità di produzione di gas.

Un totale di 89 piattaforme sono state evacuate dal momento in cui Michael è atterrato mercoledì, così come sette impianti di perforazione, con una produzione chiusa di quasi 718.900 barili al giorno. Circa 813 milioni di piedi cubi di produzione di gas naturale sono stati anche portati offline questa settimana.

Nonostante l’elevata porzione di capacità di chiusura nel Golfo, le probabilità che ciò influisca sui prezzi in modo significativo sono limitate: la maggior parte della produzione degli Stati Uniti proviene da riserve terrestri, quindi il 40% della capacità della GOM che non produce questa settimana rappresenta solo 6 percento della capacità produttiva nazionale totale.

Nel frattempo, Michael è diventato il terza forza tempesta nella storia degli Stati Uniti, distruggendo la Florida nord-occidentale e uccidendo due persone, una di loro quando ha abbattuto alberi e allagato le città costiere.

Tutto sommato, la stagione degli uragani di quest’anno doveva essere più mite rispetto all’anno scorso. Nel 2017, il peggior uragano che ha colpito la costa degli Stati Uniti è stato Harvey, che ha chiuso circa un quinto della capacità di raffinazione nazionale, causando forti accumuli nelle scorte di petrolio greggio. Gli arresti sono avvenuti alcune settimane prima che molte raffinerie fossero programmate per la manutenzione, e alcune erano costrette a farlo in quanto avevano ritardato i regolari lavori di manutenzione per settimane e persino mesi.

Correlati: Capo della BP: l’Arabia Saudita sta trattenendo la produzione

Per quest’anno, la Colorado State University ha rivisto in precedenza le sue previsioni per il numero di tempeste nominate in questa stagione a 11 da 14.

Con il 20% della capacità di produzione di greggio negli Stati Uniti e il 45% della capacità di raffinazione nel Golfo del Messico, è facile capire perché le previsioni sulle tempeste siano importanti per i commercianti di petrolio, tori e orsi allo stesso modo. L’anno scorso i tori hanno avuto motivo di festeggiare (anche se probabilmente non lo hanno fatto apertamente) quando le perdite hanno colpito US $ 200 miliardi , il disegno di legge più alto della storia.

Leave a Comment