Gli scienziati vogliono la trivellazione petrolifera nella contea britannica dopo una serie di terremoti

Quattro geologi esperti chiedono una moratoria sulle perforazioni di petrolio e gas nel Surrey nel Regno Unito, a sud-est di Londra, dopo che 12 terremoti sono stati registrati nella zona negli ultimi quattro mesi.

Tra il 1 aprile e il 18 luglio, un totale di dodici eventi sismici sono stati rilevati nell’area di Newdigate, Surrey, British Geological Survey (BGS) dice .

“Siamo consapevoli che vi è preoccupazione pubblica per le attività umane, alcune delle quali sono in grado di produrre terremoti. Non siamo in grado di dire se esiste una connessione tra attività petrolifere e del gas, o qualsiasi altra attività creata dall’uomo, e gli eventi “, ha affermato BGS.

Le aziende che esplorano petrolio e gas nella zona utilizzano solo processi convenzionali poiché il fracking non è autorizzato nel Surrey.

Ora quattro geologi chiedono una moratoria sulle trivellazioni nella zona in a lettera a The Times il lunedì , in cui dicono:

“Riteniamo che la salute pubblica e l’ambiente non siano adeguatamente protetti, data la geologia instabile, che non era stata identificata prima che venissero rilasciati i permessi per i siti di trivellazione attualmente attivi”.

“Ci sono due siti petroliferi nelle immediate vicinanze: Horse Hill e Brockham. Un nesso causale con entrambi i siti non può essere escluso, quindi abbiamo bisogno del quadro completo per la valutazione del rischio “, afferma Stuart Gilfillan FGS, docente di geochimica presso la School of GeoSciences, Università di Edimburgo; Stuart Haszeldine FRSE, professore di geologia, Università di Edimburgo; Bill McGuire, professore emerito di rischi geofisici e climatici, UCL; Richard Selley, professore emerito di geologia petrolifera, Imperial College London.

Relativo: Gli investimenti rinnovabili dell’India vicino $ 20 miliardo

Il sito di Horse Hill è gestito da UK Oil & Gas, che ha dichiarato al The Times di aver trivellato lì solo durante uno dei 12 terremoti e che non vi erano prove che le trivellazioni di petrolio e gas avessero causato i terremoti.

Il gestore del sito di Brockham Angus Energy, da parte sua, sostiene che la geologia regionale significa che è fisicamente impossibile che le sue trivellazioni abbiano causato i terremoti.

Il capo dei pericoli del terremoto al BGS, Brian Baptie, ha dichiarato al Times:

“I terremoti naturali tendono ad essere un po ‘più profondi, ma non è raro trovare terremoti naturali a quel tipo di profondità. La mia sensazione è che una causa naturale sembra più probabile. ”