La Russia interpella la giurisdizione in controversia sull’olio di Crimea con l’Ucraina

La Russia lo è contestando la giurisdizione della Corte permanente di arbitrato a L’Aia nella disputa Russia-Ucraina sui diritti alle risorse petrolifere e di gas naturale al largo della Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014.

L’Ucraina ha servito la Federazione Russa con a Richiesta alla Corte permanente di arbitrato nel settembre 2016, riferendosi a una disputa tra i due paesi sui diritti dello stato costiero nel Mar Nero, Mar d’Azov e Stretto di Kerch. L’Ucraina sostiene di avere il diritto alle risorse in quelle aree, che sono state violate dalla Russia con l’annessione della Crimea. La Corte permanente di arbitrato agisce come registro in questo arbitrato.

La Russia sta ora contestando la giurisdizione del tribunale nella disputa, dicendo che gli arbitri del tribunale dell’Aia non dovrebbero pronunciarsi su un caso che la Russia dice sulla “pretesa di sovranità dell’Ucraina sulla Crimea”, ha detto la Reuters alla corte di venerdì.

La corte sentirà il ragionamento della Russia e fisserà le scadenze per le risposte scritte se è competente a decidere su questa disputa, ha detto.

All’inizio di quest’anno, il capo dell’Accademia delle Scienze russa ha detto questo La Russia dovrebbe esplorare la piattaforma continentale della Crimea per il gas naturale.

La NATO stima le risorse di petrolio e gas della piattaforma della Crimea tra 4 trilioni e 13 trilioni di metri cubi, che, il patto disse , sarebbe stato determinante nella corsa dell’Ucraina verso l’indipendenza energetica dalla Russia.

Correlati: Oil Posts Seconda settimana consecutiva di guadagni

Nel frattempo, Heather Nauert, portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, disse giovedì “Gli Stati Uniti condannano le vessazioni della Russia per le spedizioni internazionali nel Mar d’Azov e nello Stretto di Kerch. La Russia ha ritardato centinaia di navi mercantili da aprile e nelle ultime settimane ha bloccato almeno 16 navi mercantili che tentavano di raggiungere i porti ucraini “.

Per questo, l’ambasciata russa negli Stati Uniti ha risposto pagina Facebook che “gli Stati Uniti Il Dipartimento di Stato ha sollevato preoccupazioni attraverso il suo Portavoce Heather Nauert su legittime ispezioni di navi nel Mare di Azov “.

“Le autorità statunitensi continuano a generare nuove accuse infondate contro la Russia per indirizzare l’attenzione da gravi violazioni dei diritti umani nei suoi paesi satelliti (ad esempio, molestie e azioni penali contro un avvocato dei diritti umani Alexander Gaponenko in Lettonia), per non parlare negli stessi Stati Uniti”, l’ambasciata russa disse.

Skip to toolbar