Le esportazioni di petrolio iraniane verso la Cina hanno colpito 874.000 Bpd ad agosto

La Cina ha importato greggio iraniano ad un tasso medio giornaliero di 874.000 barili il mese scorso, S & P Global Platts dati mostra, e, secondo l’agenzia, questi inizieranno a declinare ora, con il numero di agosto che rappresenta il picco.

Il caricamento dei dati per la consegna di questo mese suggerisce che le importazioni cinesi di greggio iraniano raggiungeranno in media 581.000 barili al mese a settembre.

Nonostante questo previsto declino, la Cina ha detto che continuerà a fare affari come al solito con l’Iran, incluso il petrolio, nonostante la promessa fatta dai funzionari di Pechino a una delegazione statunitense il mese scorso che i raffinatori cinesi non aumenteranno ulteriormente il loro uso del greggio iraniano. Alla luce dell’escalation della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, nessuno può immaginare quanto i cinesi saranno disposti a mantenere questa particolare promessa.

Per quanto riguarda il modo in cui i raffinatori cinesi continuerebbero ad acquistare greggio dall’Iran senza attirare sanzioni dal Dipartimento del Tesoro, un modo sarebbe utilizzare le petroliere di proprietà e assicurate dalla National Iranian Oil Company. Un altro modo, meno pubblico, sarebbe accettare le spedizioni illegali che l’Iran ha suggerito di ricorrere alle sanzioni.

Sinopec, la più grande raffineria al mondo, è una società che continuerà ad acquistare greggio iraniano nonostante le sanzioni perché “le attività dell’azienda saranno danneggiate se dovrà sospendere le importazioni dall’Iran”, ha detto S & P Global Platts un dirigente di Sinopec. Inoltre, in un deposito con la US Securities and Exchange Commission, Sinopec ha dichiarato: “Dal momento che abbiamo obblighi di performance nell’ambito dei nostri contratti relativi all’Iran nel 2018, ci viene richiesto contrattualmente di continuare i nostri [acquisti].”

Sinopec è il più grande compratore cinese di greggio iraniano, utilizzando i due terzi del totale. PetroChina è un altro grande acquirente, che assorbe circa un decimo delle importazioni totali cinesi dall’Iran, e recentemente ha potenziato la sua capacità di raffinare le miscele iraniane. Il terzo maggior acquirente di greggio iraniano in Cina è un commerciante, Zhuhai Zhenrong, che lo vende alle raffinerie locali.