2018 Contratti di Sviluppo

Una grande opportunità per una startup in Italia

Sviluppo Campania è una società interna della Regione Campania. Il suo obiettivo è di contribuire, all’attuazione di progetti, piani e strumenti, concentrandosi sulla promozione e il rafforzamento dello sviluppo del sistema territoriale regionale.
Sono incubatori di imprese costruiti per ospitare imprese locali, di piccole e medie dimensioni che sono in fase di avviamento.
Gli incubatori di imprese sono ambienti protetti, attrezzati per ospitare iniziative imprenditoriali, per sostenerli dalla fase di avviamento allo sviluppo.
È un grande vantaggio per i nuovi imprenditori avere tutti i servizi di cui hanno bisogno in un unico posto, con un unico interlocutore. Dovevano consolidare la posizione degli incubatori, sostenere la base produttiva in settori strategici dell’economia campana e stimolare gradualmente la nascita di startup in Italia.
I progetti nati con l’aiuto di incubatori avranno un impatto positivo sull’economia locale, in termini di:
• Creazione di imprese
• Occupazione diretta / indiretta
• Attrazione di investimenti
• Networking
• Riqualificazione urbana

Sviluppo Campania è entrata a far parte della rete nazionale di incubatori di imprese, governata da Invitalia, la più grande rete di incubatori in Europa, per facilitare l’accesso alle startup in Italia. Il suo scopo principale è quello di promuovere e stimolare la ricerca e l’innovazione nel tessuto regionale, incoraggiando l’energia cooperativa tra il mondo degli affari e quello della ricerca per le piccole e medie imprese.

Chi può accedere agli incubatori di imprese?
• Microimprese, anche in forma individuale
• Le PMI anche individualmente nella fase di avviamento
• Società esistenti che intendono diversificare e ampliare le attività di produzione

Come accedere a un incubatore di imprese?
L’ammissione agli incubatori di imprese è regolata da un regolamento e da un contratto.
Le aziende che vogliono stabilirsi devono presentare:
• richiesta di ammissione
• Piano aziendale

2018 Accordi di sviluppo: cosa sono?

Innanzitutto spieghiamo quali sono i contratti di sviluppo del 2018?
Si tratta di un nuovo strumento introdotto dal MISE come incentivo per la realizzazione di grandi investimenti nazionali ed esteri, particolarmente sviluppati per le aree meno favorite del Sud Italia, Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Questi contratti sono finanziati dal MISE e dalle Regioni, gestiti da Invitalia, e si concentrano sulle aree del turismo, industriale e commerciale, agroalimentare e protezione ambientale, favorendo potenziali startup in Italia.
Offrono una serie di vantaggi per le nuove società, come la sovvenzione a spese, il finanziamento agevolato e il contributo sul conto interessi.
Per avere diritto al beneficio, le società coinvolte devono presentare una richiesta online a Invitalia.

Contratti Invitalia Svilupo per Startups in Italia: chi sono i beneficiari?

Chi sono i beneficiari dei contratti di sviluppo?
La domanda di contratti di sviluppo può essere presentata ad Invitalia da singole società e / o da diverse società, queste ultime qualificate come società di rete. Ciò richiede alle aziende che insieme presentino un piano di sviluppo, attraverso la stipula di un contratto di rete, ai sensi dell’art. 3, comma 4, del decreto legge 5/2009, e successive modifiche e integrazioni.
Ai fini dell’accesso agli investimenti, il contratto di rete, oltre a prevedere una collaborazione efficace e stabile finalizzata alla realizzazione del progetto proposto al MISE, deve comprendere anche la nomina di un organismo comune che agisca per conto dei partecipanti e nella loro rappresentazione, in tutti i rapporti con il Ministero dello Sviluppo Economico.

Contratti di sviluppo: requisiti MISE

Il Fondo di sviluppo e coesione lanciato per il periodo 2014-2020, mette a disposizione 250 milioni di euro, suddivisi come segue: 80% a sud e 20% al Centro-Nord, successivamente con il decreto MISE del 29 luglio 2015, pubblicato nella Gazzetta ufficiale .
Altri 300 milioni di euro sono stati assegnati al Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 FESR, da destinare agli investimenti nelle regioni Basilicata, Calabria, Puglia, Campania e Sicilia.

Le aziende che desiderano partecipare al contratto MISE devono soddisfare i seguenti requisiti prima di presentare la domanda a Invitalia:

  • la società deve essere registrata nel registro delle imprese; le imprese straniere, invece, devono avere almeno una sede legale in Italia per accedere al beneficio.
  • i nuovi investitori devono essere liberi da qualsiasi liquidazione volontaria e non essere oggetto di precedenti procedure fallimentari;
  • si devono essere in regime ordinario;
  • i richiedenti non devono essere tra coloro che hanno ricevuto uno stato o un aiuto europeo, che non sono stati rimborsati o depositati nel conto corrente bloccato perché sono stati revocati.
  • non devono essere una società in difficoltà.
  • non devono, nei 2 anni precedenti, aver chiuso un’attività uguale o simile nello spazio economico europeo o aver programmato la cessazione di attività entro 2 anni dal completamento del programma di sviluppo proposto nella zona interessata.
    Queste condizioni si riferiscono esclusivamente alla realizzazione dei progetti di investimento di cui al titolo II, nelle zone del territorio nazionale ammesse all’esenzione.

I programmi di sviluppo ammissibili per i contratti di sviluppo sono:

  • Settore industriale: il programma di sviluppo in questo settore deve riguardare la produzione di beni e / o servizi, la cui realizzazione deve essere effettuata attraverso uno o più investimenti. I progetti di ricerca, sviluppo e innovazione possono anche essere facilitati, ma solo se sono correlati e funzionali ai prodotti e servizi finali;
  • Settore della protezione ambientale: devono riguardare iniziative volte alla protezione dell’ambiente, per le quali sono necessari uno o più progetti di investimento per la protezione e per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione;
  • Sviluppo di attività turistiche e commerciali: iniziative volte ad aumentare e migliorare l’accoglienza turistica e servizi di supporto per i prodotti turistici e, per meno del 20% degli investimenti, attività commerciali, per la realizzazione dei quali sono necessari uno o più progetti di investimento, e progetti di innovazione nell’organizzazione o nel processo, ma solo se migliorano l’uso del prodotto o la caratterizzazione del territorio.I programmi di sviluppo, implementati attraverso le strutture del contratto di sviluppo, possono anche includere la costruzione di opere infrastrutturali, materiali e immateriali, tutte che devono essere funzionali e adattate all’obiettivo del programma stesso.I benefici per le aziende, che partecipano a un contratto di sviluppo per una startup in Italia, sono:
  • Prestito agevolato: la società che accede ai contratti di sviluppo può beneficiare di un prestito del 75% o inferiore delle spese ammissibili, con una durata massima di 10 anni + un periodo di utilizzo e preammortamento, proporzionale alla durata del prestito. progetto di sviluppo ma non oltre i 4 anni. Il tasso agevolato dei prestiti, pari al 20% del tasso in vigore al momento della concessione delle sovvenzioni, mentre la quota di rimborso + interessi, è semestrale con una scadenza fissa: 30 giugno e 31 dicembre di ogni anno;
  • Abbuono di interessi: questo è concesso se la società richiede un prestito bancario a tasso di mercato, che serve a coprire i costi del progetto di sviluppo, la cui durata massima può essere di 10 anni + periodo di utilizzo e preammortamento, e non superiore a 4 anni . L’importo del prestito è correlato al tasso di interesse applicato al prestito bancario ed è stato fissato a 400 punti base, ma in ogni caso non oltre l’80% di tale tasso;
  • Contributo sul conto impianto;
  • Contributo alla spesa;
    Il tipo di agevolazione che può essere fornito con il contratto di sviluppo per una startup in Italia e la loro combinazione sono definiti durante la fase di negoziazione del contratto di sviluppo in base alle caratteristiche dei progetti.Contratti di sviluppo Invitalia: modulo di domanda onlineLe aziende che desiderano aderire ai programmi di sviluppo nel settore industriale, turistico, ambientale e commerciale possono presentare la domanda di partecipazione al MISE chiamare, secondo le seguenti procedure e istruzioni:

    La richiesta di agevolazioni deve essere inviata direttamente al gestore Invitalia che riceve i moduli e la documentazione richiesti, valuta il progetto e le sovvenzioni e fornisce incentivi alle aziende. La domanda deve essere inviata esclusivamente online, elettronicamente fino all’esaurimento delle risorse.
    L’azienda proponente o il network di aziende possono presentare una domanda online tramite il proprio rappresentante legale o un avvocato speciale, previa registrazione al portale Invitalia e ai servizi online di Invitalia via e-mail. Una volta registrata la registrazione, è possibile accedere all’area riservata, compilare la domanda di contratti di sviluppo.

    Per maggiori informazioni scrivi una mail info@invitalia.it, oppure chiama il numero blu 848.886 886 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *